Pernottamento figli piccoli dal padre

Capita sempre più di frequente, che nelle separazioni, viene chiesto dal padre di avere i figli non solo durante il giorno ma anche a dormire, anche quando sono piccoli. A questa richiesta si oppone sempre, o quasi sempre il rifiuto della madre, con la giustificazione che il figlio è piccolo, e non può dormire solo con il padre.

La parità di doveri e diritti, nei confronti dei figli, oramai è totale. I padri, a differenza degli anni passati, sono in grado di occuparsi dei figli, come, ed a volte di più delle madri. Questa non è più solo un’opinione popolare che ha preso piede. La legge non prescrive un’età dalla quale i figli possono dormire con il padre, ma la Giurisprudenza è andata verso un’apertura sempre maggiore. Il Tribunale di Milano con una recente sentenza, ha affermato che la “genitorialità si apprende facendo i genitori”. E’ un luogo comune ed un pregiudizio che il padre non sia in grado di occuparsi del figlio molto piccolo.

In un caso di separazione con figlia di due anni, il Tribunale, ha stabilito, che la figlia poteva dormire con il padre.

E’ la madre che deve dimostrare l’incapacità del padre ad accudire il figlio piccolo, non si può darlo per scontato. Ovviamente ogni caso è a sé, ed è il buon senso dei genitori che deve fare il proprio lavoro, quello di cogliere segni di disagio ed assecondare il desiderio del bambino di stare con la mamma o con il papà quando lo chiedono.